Categorie Categorie

L'arte della stampa Pettinaroli

La tipografia è per Pettinaroli dall'anno della sua nascita nel 1881 "la tradizione": Da sempre si è voluta curare questa, che è un'arte, in tutte le sue forme curando personalmente ogni fase della sua lavorazione. Una delle fortune di Pettinaroli è sempre stata quella di avere la TIPOGRAFIA annessa ai locali del negozio (ancora adesso), quindi con il vantaggio di poter sempre essere presente in laboratorio anche quando sei in negozio con il risultato di cooperare e di potersi consultare con gli operai della tipografia in qualunque momento della giornata.

Non usiamo macchinari tecnologicamente avanzati perché riteniamo che per poter stampare con l'effetto voluto certi tipi di carattere, che contraddistinguono certi lavori, le macchine migliori siano, ancora, quelli manuali o semiautomatiche, dove l'operaio deve occuparsi continuamente di ogni singolo foglio o cartoncino che sta stampando. Forse, proprio per questo motivo, i nostri clienti ci cercano per affidarci la lavorazione di tutto quanto non vuole essere commerciale ma elegante e legato alla tradizione: biglietti da visita e carte da lettera, annunci di nascita, partecipazioni di nozze, inviti per feste, cocktail, inaugurazioni.

La tipografia intesa come laboratorio tipografico si divide in diversi settori che possono essere così riassunti:

LA TIPOGRAFIA

La tipografia è il locale laboratorio in cui vengono eseguite tutte le lavorazioni inerenti alla stampa.


LA COMPOSITORIA

La compositoria è un'arte vera è propria. E' la fase iniziale che permetterà poi di stampare. I caratteri di stampa in piombo fuso divisi in cassette suddivise in tanti piccoli spazi vengono presi a mano ed affiancati fra di loro formando così le parole e i testi. Sembrerà fuori dal mondo non usare il COMPUTER per queste cose, però certi caratteri come il millerighe, quello che tanti clienti chiamano "...il vostro carattere" e il corsivo inglese, stampati con caratteri in piombo, garantisco che hanno veramente un altro sapore.


LA RILIEVOGRAFIA

La rilievografia è arte allo stato puro. Si tratta di quel procedimento di stampa che ti permette di avere il lavoro con i caratteri a rilievi e consta di 2 lavorazioni entrambe difficili ed artistiche.

La prima fase è quella dell'incisione ed è veramente una passione per chi la esegue: una placca di acciaio spessa circa 1 cm. viene prima disegnata e poi incisa e rifinita assolutamente a mano al contrario, quindi scrivendo da destra a sinistra in modo che poi rovesciando la placca per stamparci si ottenga il verso diritto. Non esiste una scuola per questa lavorazione, sono da sempre artigiani che si tramandano il lavoro l'un con l'altro con grande maestria. Il risultato sono queste incisioni sulle placche d'acciaio che sono dei piccoli capolavori anche senza stamparle.

La seconda fase, non meno importante della prima, è quella di stampa. Le macchine usate non sono le stesse usate per la tipografia ma macchine apposite per la stampa a rilievo sempre manuali o semiautomatiche per la miglior cura del lavoro. Anche gli inchiostri sono differenti in quanto sono smalti che una volta stampati ed asciugati danno un effetto semilucido: la vera stampa a rilievo secondo la tecnica originale si chiama infatti: smaltorilievo.

Questa lavorazione si usa ancora oggi soprattutto per realizzare biglietti da visita, carte da lettera e stemmi o loghi aziendali. Il tutto per ottenere qualcosa di veramente diverso.

LA LITOGRAFIA

E' difficile da eseguire, ma è ancor più difficile da capire. Se si riescono a coniugare entrambe le cose, si ottengono dei capolavori: sobri nella loro eleganza, senza nessuna ostentazione, ma solo per il gusto di avere in mano qualcosa di bello. Se gli incisori per il rilievo sono sempre meno, gli incisori litografi si contano veramente sulla dita di una mano.

Si tratta di incidere sempre al contrario una pietra di origine calcarea proveniente per lo più da cave di Baviera, utilizzando punte di diamante di spessori diversi per poter ottenere filetti più o meno fini. In fase di stampa non si presenta nessun rilievo, in quanto le zone stampanti sono sullo stesso livello delle zone bianche e l'inchiostrazione è resa possibile dalla caratteristica idrofugante della matrice che in fase di stampa al torchio viene costantemente bagnata e permette all'inchiostro di depositarsi solo sulle zone grasse, cioè dove è stato tracciato il segno.

Se non è arte questa!

LA LEGATORIA

La legatoria non è tipografia ma è parte integrante del laboratorio.Tutto ciò che può essere fatto con la carta e materiale abbinabili alla carta, tipo tela e pelle, viene eseguito nel nostro reparto. Anche in questo campo gli operai, che provengono normalmente da scuole specializzate, sono però dei "maestri" in quanto la maestria di lavorare con le mani uno deve averla e la specializza con il tempo.

Si riescono così ad ottenere lavori splendidi, album fotografici, rubriche telefoniche, agende etc., in cui le scelte delle carte a mano da lavorare e i materiali da abbinare, le impressioni in oro a complemento degli oggetti, non sono mai casuali.

Non esistono prodotti in questa sezione